Opzioni Binarie e regolamenti internazionali: facciamo chiarezza



Opzioni binarie - trading IQ OptionIl mondo delle opzioni binarie si configura talvolta come una giungla di broker, portali, notizie contrastanti e ambigue. Di chi ci si può fidare? Quali broker sono più affidabili?

In tutela dei fondi investiti sui mercati delle opzioni binarie sono stati elaborati regolamenti e certificazioni, validi in Italia ed all’estero, cui broker e portali devono attenersi.

Nella scelta di un operatore di opzioni binarie cui affidarsi occorre dunque verificare la conformità a tali standard ed in particolare l’adesione a:

  • CySEC: è una licenza fondamentale per tutte le attività che operano sui servizi finanziari. Garantisce la conformità ai regolamenti dell’Unione Europea e dell’isola di Cipro. Esistono appostiti registri con l’elenco delle società che sono autorizzate ad operare.
  • Financial Conduct Authority, FCA: è un ufficio di controllo e regolamentazione del Regno Unito ed è finanziato dai suoi stessi iscritti, agendo così in maniera indipendente dal governo. Offre servizi ai consumatori e regolamenta l’etica del mercato inglese.
  • Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB): organo governativo – anch’esso dotato di proprio registro – fondamentale per i mercati finanziari italiani.
  • Commissione Nazionale del Mercato dei Valori (Comisión Nacional del Mercado de Valores, CNMV): ente governativo responsabile del mercati spagnoli. Verifica correttezza ed etica degli operatori finanziari e genera un proprio elenco.
  • Autorità Federale di Vigilanza sulle Attività Finanziarie (Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht, BaFin: è l’autorità in materia operante in Germania con sedi a Bonn e Francoforte. Lo scopo di questo ente è quello di vigilare sulla stabilità e sulle dinamiche del mercato finanziario tedesco.
  • Financial Agents Register (Regafi): stila un elenco di registrazioni finanziarie per tutte le compagnie francesi e straniere. Elabora un elenco delle attività abilitate.
  • Ente addetto al controllo dei mercati finanziari (Autoriteit Financiële Markten, AMF): ente e registro per i servizi finanziari dei Paesi Bassi.
  • Financial Supervision Authority (EST: Finantsinspektsioon): registro e controllo dell’Estonia, verifica che gli operatori finanziari siano adempienti con i propri clienti e non si sviluppino fenomeni di criminalità.
  • Banca nazionale ceca (Česká národní banka, ČNB): è la banca centrale della Repubblica Ceca, responsabile della politica monetaria e creditizia, dunque responsabile della supervisione dei mercati finanziari.

Uno dei broker di opzioni binarie capaci di vantare il rispetto e la conformità a tutti questi regolamenti è senz’altro IQ Option, portale di recente nascita che già ha saputo imporsi sui mercati grazie alla massima serietà ed al rispetto per i propri clienti.

Assicurazione scolastica: cosa copre e quando



Qualunque genitore ritiene che la scuola sia uno dei luoghi più sicuri che ci siano. In effetti è così! Ma quanti di essi sanno davvero in cosa consiste l’assicurazione scolastica e cosa è in grado di risarcire nel momento di un incidente scolastico?

Infatti la maggior parte dei genitori non conosce i dettagli delle polizze scolastiche e, quindi, si trovano sorpresi nel momento in cui scoprono che alcune spese che pensavano fossero “coperte” sono in realtà non risarcibili.

Ecco alcune informazioni che è importante conoscere sulle polizze scolastiche.

Incominciamo col dire che l’assicurazione scolastica non è obbligatoria, quindi la scuola non è obbligata a stipularne una se non quella INAIL, però è davvero raro che una scuola non scelga di avere un’assicurazione di responsabilità civile. Quindi nel caso in cui il Consiglio d’Istituto decida di stipularne una, i genitori sono obbligata a pagare la quota annuale.

Se un genitore vuole sapere se la copertura assicurativa scelta dalla scuola è di buon livello, bisogna farsi dare il contratto dalla Segreteria scolastica. Bisogna analizzare se essa copre gli incidenti che il bambino/ragazzo può subire o provocare durante l’orario di scuola.
Ad esempio, copre la rottura degli occhiali di un altro ragazzo che ha avuto un contatto con vostro figlio? Oppure copre un danno personale subìto a scuola. Inoltre le buone polizze coprono anche il tragitto casa-scuola-casa.

Come molti genitori già sapranno, il costo di una polizza scolastica è ridicolo: ancora oggi dovremmo essere ben al di sotto di 10 euro.

Nel caso in cui dovesse essere necessario fare richiesta di rimborso, il genitore deve farne direttamente richiesta alla società assicuratrice chiedendo i moduli da compilare direttamente in Segreteria.

Come detto sopra, le scuole hanno comunque una polizza assicurativa obbligatoria con l’Inail. Questa, però, copre i danni subiti e causati soltanto durante l’ora di educazione fisica e di laboratorio.

Il nostro consiglio è quello di informarvi sempre presso la segreteria del tipo di assicurazione di cui è dotata la scuola. Eventualmente fatevi rilasciare una copia del contratto.

Pagina Successiva »