Assicurazione natanti: tutte le polizze per tutte le imbarcazioni



La RC natanti è l’assicurazione di responsabilità civile per danni causati a terzi che tutti i possessori di imbarcazioni a motore devono stipulare per poter navigare tranquillamente nelle acqua di qualunque fiume, lago e mare.
Questo tipo di polizza copre diversi tipi di incidente che possono accadere sia lontano che vicino le coste o nei porti. Infatti mentre è molto raro che due imbarcazioni si scontrino in mare aperto, è molto più frequente che i natanti urtino tra di loro nei porti, sia che si trovino ben ormeggiati (pensate alle tempeste) sia durante le manovre di attracco o in uscita ed entrata dal porto.

Le imbarcazioni che devono essere assicurate per legge sono tutte quelle ad uso privato, da diporto o per il trasporto di persone, “autopropulse“, inclusi i fuoribordo.
Nelle polizze per i natanti esistono delle particolari e specifiche clausole di rivalsa che consentono alla compagnia assicuratrice di non pagare il danno se sono presenti alcune condizioni: stato di ebbrezza, assunzione di stupefacenti, conducente non abilitato alla guida dell’imbarcazione, allievo di una scuola guida senza la presenza dell’istruttore, trasporto di oggetti o numero di persone per i quali il natante non è omologato.
L’assicurazione potrebbe non pagare il danno procurato a cose o persone anche nel caso di competizioni sportive in cui sia evidente la volontà del guidatore (dolo) di creare danno ad un’altra imbarcazione.

In aggiunta alle polizze obbligatorie ci sono quelle facoltative che solitamente sono delle assicurazioni sul furto e sull’incendio e alcune prettamente legate alla nautica che assicurazione il natante contro lo smarrimento o l’abbandono in caso di necessità.

Per approfondimenti sul tema, vi consigliamo leggere la risposta dell’avvocato Andrea Faccon sul sito Yachts.it .