Assicurazione per la famiglia e il nucleo familiare



Con un’assicurazione famiglia un nucleo familiare può tutelarsi contro i rischi che possono turbare il normale svolgimento della vita quotidiana. Una famiglia può quindi decidere di tutelare il proprio patrimonio anche stipulando una copertura assicurativa che sia in grado di mettere al riparo più persone da eventuali richieste di risarcimento economico.

Questa tipologia di assicurazione include varie ipotesi di rischio risarcibile. Le assicurazioni famiglia possono comprendere garanzie per i danni di carattere economico, dovuti a motivi di salute, oppure conseguenti alla proprietà di un’abitazione, o ancora, alla più generica responsabilità civile terzi per i danni che i familiari possono causare ad altre persone estranee al nucleo familiare. In altri termini, si tratta di una soluzione assicurativa diversificata, all’interno della quale è possibile inserire condizioni contrattuali che possono incontrare le richieste e le necessità di più utenti. Per questo motivo non sono delle polizze stabile “a pacchetto” dalla compagnia assicuratrice, ma sono discusse e pianificate tra l’agente assicuratore ed il futuro assicurato, proprio per capire quali sono le esigenze assicurative, prima di ogni singolo componente e poi dell’intero gruppo familiare.

La più comune forma di tutela scelta dalle famiglie è quella contro i danni causati a terze persone, cioè a persone che non appartengono al nucleo familiare. Questo perché le attività quotidiane che occupano ogni cittadino, escluse quelle professionali e la guida dei veicoli, possono comportare l’assunzione di un rischio che spesso si traduce nel dover affrontare delle emergenze o degli imprevisti economici.
Anche il semplice fatto di essere proprietario o affittuario di una casa comporta l’assunzione di determinate responsabilità in caso di imprevisti, guasti, rotture o cedimenti che danneggiano i vicini o altre persone. Lo stesso vale per gli animali domestici, in quanto il proprietario è sempre responsabile per i danni ai terzi, alle cose o agli altri animali che il suo amico a quattro zampe può provocare.

Ci sono poi le polizze cosiddette “globali”, le quali hanno una sfera di azione e di protezione pressoché totale. Queste tengono indenne la famiglia da tutto ciò che può turbare la sua serenità economica, in quanto prevedono forme di risarcimento anche in caso di licenziamento del capofamiglia o per le spese sanitarie.

Con una polizza famiglia è inoltre possibile garantire il patrimonio familiare dalla perdita economica a causa della morte o per invalidità permanente di colui che produce il maggior reddito.

Polizza assicurativa per i detentori di animali in genere



Le norme sulla responsabilità per i danni causati a terze persone obbliga anche i proprietari di animali a risarcire per tutti i danni causati ad altri (persone, cose, animali altrui). Per questo motivo le assicurazioni per gli animali hanno in primo luogo lo scopo di salvaguardare il patrimonio del possessore di animali domestici contro le eventuali richieste di risarcimento provenienti da terze persone, ma possono prevedere anche il rimborso delle spese veterinarie per le cure necessarie, gli interventi ambulatoriali o chirurgici, e per i farmaci.

L’opportunità di avere un polizza assicurativa per la responsabilità civile dovrebbe poi costituire una scelta coscienziosa (o un obbligo) per tutti i proprietari di animali, cani in particolar modo, che presentano un’indole particolarmente aggressiva, anche se la razza o la dimensione non preoccupante dell’animale può apparentemente ingannare terze persone.
Alcune polizze animali prevedono il solo risarcimento per i danni causati alle persone.
Per avere una copertura del rischio di danni a cose o animali altrui è necessario stipulare appositi contratti che la prevedano espressamente.

Prima di sottoscrivere qualsiasi assicurazione per i nostri amici a quattro zampe è bene ricordare che è obbligatorio registrare il proprio animale all’anagrafe canina, attraverso l’inserimento del microchip ed effettuare anche le vaccinazioni obbligatorie.
Non tutte le compagnie, poi, sono propense ad assicurare gli animali domestici esotici, i quali per la loro particolare condizione di cattività hanno molte più probabilità di contrarre malattie e quindi i proprietari richiedono più spesso il rimborso per le spese veterinarie.
Infine, non vengono risarciti i costi sostenuti per sterilizzare o castrare l’animale, quelli necessari per la gestazione ed il parto o quelli per “addestrare” l’animale allo scopo di modificarne il comportamento anomalo.

Pagina Successiva »